• Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 71 follower

  • Annunci

La trota in canale

Molti sono gli ambienti dove poter insidiare la Trota e, sicuramente, uno dei più inusuali (e antropici) è rappresentato dai canali cittadini; il Nord-Italia in particolare ne è ricco, soprattutto grazie all’intensa attività agricola e alla notevole disponibilità d’acqua.

Black Flagg DropSpin trota fario2

I Canali possono essere sia a sponde naturali, quindi con argini e fondo in terra o ghiaia e sia artificiali ( questi più frequenti in ambiente cittadino) con argini e letto in cemento poco naturalizzato. La portata d’acqua di questi spots varia molto a seconda della stagione e delle necessità irrigue e di conseguenza anche il tipo di approccio in pesca. Le Trote si sono adattate egregiamente a questi ambienti e spesso capita di trovare una maggior densità di pesci in dei cementosi canali cittadini piuttosto che nel torrente a poche centinaia di metri di distanza.

T2 Tribe canale
Gli approcci a questa tipologia di corsi d’acqua possono essere molteplici; personalmente utilizzo principalmente Cucchiaini rotanti, i quali mi permettono lanci precisi, entrata in pesca istantanea e ottima tenuta di corrente. A seconda che si peschi a favore o contro corrente conviene cambiare forma e peso del Cucchiaino rotante per ottimizzare il lavoro dello stesso in acqua; ad esempio, quando mi trovo a dover pescare a favore di corrente (dunque lanciando a monte) opto di norma per il Black Black Flagg BackDrop Spin Light  del numero dell’#1 e del #2.

Black Flagg BackDrop Spin Light trota fario

Questo artificiale, viste le sue caratteristiche di leggerezza rispetto la versione classica permette un entrata in pesca più rapida e un recupero molto efficiente soprattutto con correnti sostenute. Se viceversa il recupero si presenta contro corrente, la mia scelta cadrà sul nuovo Black Flagg DropSpin. Il rotante in questione si discosta dal Black Flagg BackDrop Spin sostanzialmente per la forma della paletta che risulta ovale anziché a goccia. Anche se una paletta di questo tipo tende di norma a far più resistenza all’acqua che una a goccia o comunque con una forma più idrodinamica, la preferisco per la sua grande stabilità e considerato il peso dell’artificiale mi consente di sondare al meglio ogni angolo del canale dove penso possa nascondersi una trota.

Black Flagg DropSpin trota fario
Per quando riguarda la canna non andrei oltre i 6’6″, poiché canne di lunghezza maggiore finirebbero spesso e volentieri per essere più di intralcio che altro. Ad accompagnarmi, ormai in pianta stabile, c’è la mia St.Croix Trout Series  TSS64LF2 da 1\4 d’oz con la quale non ho avuto problemi anche con pesci di taglia ragguardevole; non bisogna dimenticare infatti che anche se la taglia media dei pesci di norma si aggira sui 25\30 cm ( a volte anche meno) possono comunque uscire pesci ben più grossi.

Black Flagg trota marmorata

Come mulinello uso un Lew’s High Speed Speed Spin 100 (taglia 1000) con un recupero molto veloce e fluido ed un ottima frizione. L’importante però sarà l’utilizzo di un buon trecciato e di un buon finale, possibilmente in Fluorocarbon. Il Trecciato, nella pesca in canali artificiali con una buona portata, è molto utile poiché consente di avere una maggiore sensibilità, dei lanci più lunghi e precisi e soprattutto una ferrata più pronta. Al mio T.O.W. R.E.A.L PE 4capi aggiungo però sempre uno spezzone di 40\50 cm di T.O.W. FNSS Fluorocarbon da 6 lb sia per la sua elevata invisibilità ma soprattutto per la maggiore resistenza all’abrasione rispetto ai trecciati; consideriamo infatti che il fondale di questi corsi d’acqua, soprattutto se in ambienti cittadini, è purtroppo disseminato di ostacoli sul fondo che possono facilmente recidere il nostro trecciato.

Black Flagg BackDrop Spin Light trota fario2
Insidiare la trota in questi spots richiede sicuramente una buona tecnica e la giusta dose di esperienza, ma una volta affinato il tutto saremo ripagati con delle splendide catture e pesci veramente combattivi!

T2 Tribe canale2

Maurice Loic Mingozzi
T2 Tribe

Annunci

Nuova Stagione… nuove avventure!!!

Riparte anche per noi in Calabria la nuova stagione della pesca alla Trota.

IMG_9445

Niente di meglio per quelli come me che amano la natura, l’aria pulita ma soprattutto il silenzio lontano dalla quotidianità cittadina. Nuovi obiettivi, nuovi spots e nuovi approcci mi hanno portato a scalare pendii, discendere valli e affrontare tragitti impervi alla portata di pochi per raggiungere il cosiddetto “Riale delle favole” , quel torrente nascosto dalle fronde degli alberi, dimenticato da Dio, dove si nascondono Trote dalla livrea stupenda. Detto fatto, non mi ha fermato ne la neve, e quindi le temperature molto basse, ne il corso dei torrenti ancora rapido e in piena.

IMG_0155

Risalendo mi sono andato a ricercare le pozze e i tratti più calmi per provare finalmente i nuovi Black Flagg BackDrop Spin Light che si sono rivelati un’arma vincente nelle pozze più piccole e nei rigagnoli più calmi.

IMG_0025

Grazie ad essi sono riuscito ad insidiare anche Trote di dimensioni ridotte senza problemi gestendo al meglio la pescata in spazi piccolissimi con un invasività pressoché nulla ed un’azione di pesca con rotazione immediata, insomma soddisfatto al 100% per questo nuovo cucchiaino rotante che, abbinato al nuovo T.O.W. Dock’N’Stock Clear hanno raggiunto l’apice della perfezione: invisibilità e silenziosità.

IMG_9735

Il nuovo nylon di T.O.W. , fratello del precedente T.O.W. Dock’N’Stock Hi-Viz di colore giallo fluo, ne mantiene le caratteristiche quali resistenza ed elasticità aggiungendo la dote dell’ invisibilità, una trasparenza neutra che lo arricchisce rendendolo versatile e neutro in ogni situazione e spot, disponibile in bobbine da 150mt e in quattro misure 7 lb, 8lb, 9 lb e 10lb. Ovviamente non ho abbandonato le vecchie abitudini alternando gli ormai insostituibili Black Flagg BackDrop Spin classici, sia con ancoretta che con amo singolo che in corrente più sostenuta e pozze più profonde hanno svolto come sempre in maniera eccelsa il loro sporco lavoro! Che dire? Canne in mano e via nei torrenti amici “trotari” .. che il riale sia con voi.

IMG_0010

PS: Ricordate che il C&R è importantissimo, soprattutto in torrenti con poca portata d’acqua.

IMG_9812

Un saluto dalla Calabria

Angelo “Ngiulo Sparrow” Scopelliti

T2 Tribe

Dopo tanta attesa…

Come ogni anno l’apertura della pesca alla Trota è un evento immancabile per noi appassionati..
Neve sulle sponde e temperature molto basse non ci renderanno le cose molto facili, sia dal punto di vista della pesca sia per la percorribilità del torrente.

Black Flagg Syndicate Trout Division
Date le temperature molto basse dell’acqua, il pesce, ancora infreddolito dall’inverno e debole per le fatiche della frega con difficoltà tenderà a muoversi, ovvero cercherà di mangiare qualsiasi cosa gli passi davanti compiendo il minor sforzo possibile, senza permettersi di sbagliare un colpo per sprecare energie importanti per riprendersi.
Nei piccoli e medi torrenti i pesci cercheranno di mettersi nei posti un po’ più soleggiati, in acque leggermente più basse per approfittare dei pochi raggi di sole per potersi scaldare e attendere che la corrente porti loro del cibo, il quale, in questo periodo sarà prevalentemente composto da piccoli invertebrati e larve in generale.
Dove invece le temperature sono meno rigide il pesce si muoverà di più, uscendo in caccia più facilmente e più frequentemente specialmente nelle ore più centrali della giornata quando il sole inizia a scaldare.

Black Flagg BackDrop Spin
Esca che rappresenta la pesca alla trota è sicuramente la pesca col Cucchiaino rotante.
In questa stagione, dove il pesce risulta apatico e ancora infreddolito dall’ inverno, un cucchiaino come il BF Back Drop Spin può rivelarsi un’arma molto efficace per la pesca durante il periodo dell’apertura.

Black Flagg BackDrop Spin

Rotante nato da una collaborazione tutta italiana tra Ilba e Black Flagg studiato e testato dalla Black Flagg Syndicate Trout Division tenendo conto di tutte le caratteristiche che non si trovano nei Rotanti tradizionali ovvero un elevato rapporto peso grandezza che rendono unici questi rotanti e la paletta a goccia rovesciata ( da qui il nome Back Drop ) che ci aiuta a mantenere il Black Flagg BackDrop Spin in azione anche nei punti di corrente molto sostenuta. Vengono tutti rigorosamente montati su ancorette Vanfook DT55 o ami singoli con micro ardiglione sempre Vanfook SP41MB,  di altissima qualità che li rende davvero unici nel suo genere.

Black Flagg BackDrop Spin single hook
Soprattutto in questa stagione, su pesce lento il Black Flagg BackDrop Spin è ottimo nei recuperi molto lenti o radenti il fondo, dato che dovremo quasi passare davanti alla bocca della Trota per aspettarci un suo attacco, quindi una volta lanciato aspetteremo qualche secondo che l’esca arrivi in prossimità del fondo per poi iniziare il recupero, molto lento e costante cercando di farlo passare vicino alle presunte tane dove stazioneranno le Trote in questo periodo.
Il Black Flagg BackDrop Spin lo troveremo in svariate combinazioni di colori classiche, Oro, Argento e Rame ed anche nella versione Black Flagg BackDrop Spin Color con serigrafie colorate.

Black Flagg BackDrop Spin color
I colori per la versione BackDrop ASP invece sono Bianco, Rosa, Giallo e Blu, studiati per la pesca dell’Aspio ma decisamente efficaci per la pesca alla Trota specialmente per quanto riguarda la pesca con acqua da neve, in quanto risultano ben visibili in acqua e, nella misura del #4 anche per la pesca alla Trota marmorata (Salmo trutta marmoratus).

Black Flagg BackDrop ASP

Tutti i rotanti della famiglia BackDrop Spin li troviamo in queste misure:
Paletta #1: 6,5 grammi
Paletta #2: 8,5 grammi
Paletta #3: 11 grammi
Paletta #4: 18 grammi

Oppure per quelli che preferiscono i pesi standard si possono trovare anche i Black Flagg BackDrop Light, progettati apposta per la pesca Ultra light nei piccoli torrentini montani, riconoscibili dalla pallina colorata montata tra l’ancoretta e il fusto.

Black Flagg BackDrop Light

Paletta #1: da 5 grammi
Paletta #2: da 7,5 grammi
Paletta #3: da 9 grammi
Quindi davvero un’esca che non può mancare nella cassetta di ogni appassionato, specialmente in questo periodo!

Black Flagg Syndicate release
Nesello Christopher
Black Flagg Syndicate

I colori per la trota laghetto

Correva l’anno 2007.  Campionato Provinciale spinning Treviso.  Riuscii  a vincere il titolo a coppie anche grazie ad un rotante verniciato artigianalmente di rosa.  Avevo “rubato con gli occhi” da alcuni agonisti ben più esperti di me, la frequenza nell’usare esche di questo colore e ho riscontrato che dava un bel contributo in fase di catture quando il pesce era stufo di veder passare artificiali davanti a sè.  Da allora mi restò il pallino di fare esche di quel colore perchè in acqua limpida non è troppo invasivo mentre nelle acque scure si fà ben notare.

DSCN5486

Ora che in autunno/inverno la pesca ai salmonidi è chiusa, per non perdere la mano ci possiamo allenare nei tanti bacini lacustri privati che lo permettono, magari favorendo quelli che applicano il no-kill. Le frequenti piogge del periodo possono intorpidire le acque e una buona soluzione per far notare l’esca è proprio scegliere un colore vistoso.

DSCN5490 (FILEminimizer) DSCN5493 (FILEminimizer)

Tanto per iniziare col piede giusto, BLACK FLAGG dona il suo colore rosa (Big Babol) all’ormai conosciutissimo FNSS WORM4.95″ rendendolo un siliconico ottimo per la pesca delle trote. Innescandolo a calza (come nelle situazioni in torrente), magari tagliandolo nella misura più opportuna rispetto all’amo impiegato,  possiamo creare quell’effetto rotazione che va a stimolare la linea laterale del pesce rendendo una facile localizzazione dell’artificiale anche in casi di scarsa visibilità.  Una volta “sentito”, al pesce basterà vederlo per portare a termine l’attacco.

DSCN5495 (FILEminimizer) DSCN5497 (FILEminimizer)

L’amo senza ardiglione è d’obbligo dove si pratica il catch & release ma pescare in questa modalità anche dove si è obbligati a trattenere non è una cattiva abitudine…

DSCN5525 (FILEminimizer) DSCN5528 (FILEminimizer)

Tante volte non è la forma dell’esca che fà la differenza ma il colore giusto nelle condizioni particolari può svelarsi quell’arma in più in cui riporre la nostra fiducia. Non credere nella propria esca è già uno sbaglio, darne troppa è un’altro sbaglio.

DSCN5522 (FILEminimizer)

Cambiare il colore dell’artificiale come cambia il colore l’acqua è la cosa giusta da fare .

DSCN5529 (FILEminimizer)

Come quando cambia l’intensità della luce e cambiamo le lenti polarizzate degli occhiali, anche i pesci vedranno meglio un colore rispetto ad un altro. Poi un pò di esperienza renderà tutto ancora più naturale. DSCN5530 (FILEminimizer)

Andrea Casetta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: